lunedì 10 dicembre 2012

A volte tornano...




Ed eccoci qui dopo più di un anno a scrivere su un sito che avevo creato per passare il tempo, in realtà gli impegni che ho avuto sono riusciti ad allontanarmi dallo scrivere un post per più di 12 mesi. E tante cose sono cambiate... in Italia...vi avevo lasciato addiritura con Monti che saliva al governo e ora riprendimo con Monti che scende... e in me... tante tantissime troppe cose mi sono capitate in un anno.





E ora ho deciso di ricominciare a riscrivere(errore voluto), non so ancora esattamente cosa. Non è il top da parte di un amministratore(parola altisonante) di un sito(ah ecco) riferire di non avere idee chiare su cosa parlare ma io mi ritengo più una persona che a (errore non voluto) aperto un sito su blogger e vuole scrivere e criticare quel cavolo che gli pare :) ecco fatto... mi sono già rotto di scrivere... JUST KIDDING...si ricomincia

martedì 29 novembre 2011

Un' immagine...una verità

ONE DIES, MILLION CRY: un morto, milioni di grida
MILLION DIE, NO ONE CRIES: milioni muoiono, nessun grido

Il Governo Monti è pronto a decollare


Mario Monti completa la squadra di governo e sceglie la cerimonia di giuramento di viceministri e sottosegretari a Palazzo Chigi per fare il punto, assicurare che il suo "governo tecnico" è di una "trasparenza assoluta", scevro quindi da "conflitto d'interesse" perchè composto da persone mosse "dallo spirito di servizio". Una squadra "snella e forte", ha detto il presidente del Consiglio, che vede nel Parlamento "un costante punto di riferimento" e che aiuterà l'Italia "a uscire dalla difficile condizione" e le forze politiche "politiche a ritrovare un clima più sereno e una riconciliazione con l'opinione pubblica".

"Questo governo - ha sottolineato il premier - sarà di una trasparenza totale. Molte delle persone che sono qui hanno rinunciato a trattamenti economici superiori e a carriere. Attenti quindi a parlare di conflitto di interesse", perché, ha evidenziato il professore, molti hanno accettato l'incarico di governo "per spirito di servizio" nei confronti del Paese. Trattandosi poi di un governo tecnico, ha spiegato Monti, per far entrare in squadra alcune personalità "ho dovuto esercitare opera di convincimento, e questo vale anche per alcuni ministri". E ciò ha oggettivamente causato un ritardo nella creazione della compagine, da sommare all'aver dovuto "dedicare parte delle giornate e delle nottate a studiare le linee di una complessa politica economica e sociale saranno presentate nei prossimi giorni" e a tessere relazioni in Europa.

Ciò detto, il premier ha assicurato che "tra il governo e le forze politiche che lo sostengono c'è un "rapporto essenzialmente costruttivo, siamo molto rispettati dalle forze politiche". Anche la stampa, con la quale "avremo presto momenti di dialogo molto più frequenti e intensi", che "ci osserva e ci critica quando necessario, ha capito com'è il rapporto tra la politica e il governo: un rapporto costruttivo che comporta un'innovazione statico-dinamica, perchè in Parlamento abbiamo ricevuto la fiducia da forze politiche che erano in perenne dissenso fino all'altro ieri e che ora fanno lo sforzo di guardare a noi e non le une alle altre".

Un rapporto, insomma, che vedrà il governo "con umiltà al servizio del Parlamento, che è costante punto di riferimento", un esecutivo "più snello ma forte in termini di numeri rispetto al precedente. I ministri - ha infatti ricordato il premier - scendono da 26 a 19 e i vice ministri e i sottosegretari da 40 a 28". Con uno di loro, il viceministro all'Economia e alle Finanze, Vittorio Grilli, "permanentemente invitato a partecipare alle riunioni dei Consigli dei ministri".

Bando alle polemiche sui sottosegretari, dunque, perchè per quelli su cui sono scattati i distinguo del Pdl, ovvero i responsabili dei rapporti con le Camere, il premier ha ricordato di aver offerto "alle forze politiche di scegliere o una personalità di esperienza parlamentare o una di alta valenza tecnica: una ha optato per il primo criterio, una per il secondo. Rispetto entrambe le soluzioni- ha chiosato Monti - e sono certo che i due sottosegretari si rispetteranno tra di loro". Ciò detto, via al Quirinale per il giuramento dell'ultimo ministro, Filippo Patroni Griffi (alla Funzione Pubblica) e poi via di nuovo a Bruxelles, dove comincerà nel pomeriggio l'ennesima maratona europea di 'SuperMario'.

giovedì 11 agosto 2011

Provini aspiranti attori e attrici...


Da un po seguo le vicende, le avventure, le storie di ragazzi qualunque che grazie a youtube, una videocamera e un pizzico di fantasia e follia hanno sfondato nel web.
Ebbene è proprio grazie a loro che sono arrivato a leggere di questa opportunità, per tutti coloro che vogliono tentare il colpaccio,  la certezza è che è nata da poco ed è rivolta a tutti gli aspiranti attori/attrici, non c'è nulla da perdere ma solo da guadagnare per cui inseguite l' obiettivo.


INFO
I provini ufficiali verranno svolti il 17 AGOSTO al Teatro Comunale di Gradara (PU) dalle ore 19:00 in via Zanvettori, per un età compresa tra i 18 e i 30 anni (circa). Per chi desidera PRENOTARE il provino, inviare una email a progettocasting@yahoo.it con foto e dati.


per maggiori informazioni visitate Progetto Casting



INSEGUI L' OBIETTIVO







venerdì 22 luglio 2011

VADO E TORNO...

forse...
Ebbene domenica parto e starò via per 2 settimane per motivi (.)
andrò in America finalmente, sono anni che desidero visitare quel dannato Paese che ho finito per odiarlo,       e insomma, quale blogger può essere cosi incredibilmente idiota da creare un sito sapendo che dopo pochi giorni deve stare via per 2 settimane?

ADDIO(non proprio) ITALIA.
Do un' addio di 2 settimane a questa Italia, e non mi dispiace, non vedo miglioramenti, continuano gli scandali,le tensioni all' interno di quel palazzo che dovrebbe rappresentare noi italiani, non c'è più molto da dire, ci rimane solo da agire, <<bell' ipocrita>> direste voi, <<parli tu che ne vai?>>, non sono un' ipocrita, ma non posso ancora dimostrarlo, il sito è nato da pochi giorni!!!
...e probabilmente quando tornerò la situazione in Italia sarà cambiata, chi  lo sà, forse Capezzone sarà Presidente (devo inventare un aggettivo apposta per lui per definire quanto mi sia antipatico), forse sarà nato un quarto polo, non mi sconvolgerebbe più di tanto... ne riparliamo.
CI RIVEDIAMO ITALIA

Chiuso dopo neanche 2 giorni dall' apertura del sito


Il cartello è semplice ma sempre meglio di questo

no comment
       


Film: "L' onda"


Titolo originale:  Die Welle
Nazione:  Germania
Anno:  2008
Genere:  Drammatico
Durata:  101'
Regia:  Dennis Gansel



Cast:  Jürgen Vogel, Frederick Lau, Max Riemelt, Jennifer Ulrich, Christiane Paul, Elyas M'Barek, Cristina do Rego, Jacob Matschenz, Maximilian Vollmar, Max Mauff
Produzione:  Rat Pack Filmproduktion GmbH






 “L’onda” nasce da una storia vera. Un esperimento fatto da un professore di liceo californiano nel 1967, esperimento che poi è diventato un libro scritto dallo stesso professore William Ron Jones.
Il regista Dennis Gansel sposta la storia nella Germania di oggi.
Ma veniamo all’esperimento.
Rainer Wenger è un professore di liceo con maglietta dei Clash, che somiglia (pure fisicamente) a Nick Hornby ed è, ovviamente, adorato dai suoi studenti.
Quando gli viene chiesto di tenere una settimana di lezioni a tema sull’autocrazia, Rainer decide di fare un esperimento, una prova pratica: comincia obbligando la classe a una severissima disciplina, ne cementa lo spirito di gruppo, poi li fa vestire tutti uguali. Dopo due giorni scopre con grande sorpresa che i ragazzi sono entusiasti. Con incredibile rapidità il gruppo, denominato “L’onda”, si cementa, le differenze si annullano, gli "altri vengono espulsi.

Da qui alla violenza il passo è breve. E il finale sarà drammatico...
Costruito con grande intelligenza narrativa, “L’Onda” è solo in parte un film sul nazismo, semplificazione forzata dall’ambientazione tedesca della storia.
Il punto di partenza di Gansel è più complesso di così: “L’onda” è un film sulla società di massa, sui meccanismi del consenso, sul ruolo dell’individuo all’interno della collettività. Il mostruoso processo di omogeneizzazione che coinvolge i ragazzi del liceo richiama alla mente, senza scomodare Hitler, qualunque gruppo da stadio, e anche l’Italia berlusconiana del Grande Fratello.
Gansel e il suo sceneggiatore Peter Thorwarth non ci vogliono mettere in guardia verso l’abominio delle autocrazie passate, ma farci riflettere sulla fragilità di una democrazia che si fonda sulla dittatura di una maggioranza facilmente plagiabile.  La forza del film è proprio nel suo essere drammaticamente contemporaneo, il passato è soltanto un’ eco inquietante.
Per raccontare l’esperimento, Gansel sceglie un taglio di regia coinvolgente e giovanile, ritmato fino ai limiti del video clip in alcuni punti, ma senza rinunciare per questo alle giuste lentezze narrative, utili per descrivere con attenzione i ragazzi.
L’unico limite del film è in alcuni dialoghi, un pò ingenui (ma probabile che sia colpa del doppiaggio, a occhio e croce pessimo), e forse in qualche schematismo sociologico di troppo. Forse inevitabile in un film dichiaratamente “a tesi”.                                                                        

                                                                              


                               
TU PARLI IO ASCOLTO... forse siamo anche noi facilmente influenzabili, basta solo saper parlare, avere   una buona dialettica, diventa più importante la posizione di un verbo in una frase che il contenuto in sè,                  PAROLA > RAGIONE
                 

giovedì 21 luglio 2011

Io sono della VB

Voce Bianca... è il nome del nostro sito, spero possa diventare qualsiasi cosa di positivo per qualsiasi persona, spero che ognuno possa esprimersi nel migliore dei modi in questo spazio virtuale, poichè sono stanco di vedere tv spazzatura, di non poter capire a pieno come sta funzionando il mondo perchè la TV ci inculca notizie che apparentemente sono simili, ma basta saltare di due canali per avere notizie diverse, potranno sembrare bugie, ma chi lo sa sa bene di cosa parlo, per tutti quelli stanchi del quarto potere, spero che questo sito non diventi un quarto potere piuttosto una nuova frontiera anche per apprendere, per conoscere e non farsi influenzare da niente e da nessuno ma solo dal proprio pensiero, e una volta fatto, saper ascoltare e tollerare il "diverso", e imparare a credere anche solo per un secondo che la persona che abbiamo davanti abbia ragione.
Sia chiaro non sono un rivoluzionario, il fatto di criticare senza mezzi termini destra, sinistra,sopra e sotto non fa di me neanche un anarchico, solo un pensatore, un sognatore, ebbene non facciamo in modo che la verità ci passi davanti senza accorgercene.



Questo è il libro che consiglio a tutti di leggere


Avete visto la frase di George Orwell sotto il titolo del sito?
"Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri"
E' una frase del libro "La fattoria degli animali", un' opera satirica dove Orwell critica il totalitarismo sovietico e molto altro, adoro questa frase, penso sia un' incredibile quadro della società di oggi, siamo uguali di fronte alla legge? Non so, secondo voi? La mia vuole essere più una provocazione, non voglio mettere in dubbio l' adeguatezza e l' implicita giustizia della giustizia italiana(scusate il gioco di parole).
Ma ripeto la mia è più una provocazione, in realtà tutti i giorni, in ogni angolo del mondo siamo soggetti a quest' aforisma di Orwell.
Nel libro viene affrontato anche un altro problema, ovvero un altra frase è
"…le creature di fuori guardavano dal maiale all'uomo, dall'uomo al maiale e ancora dal maiale all'uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due",
è un ovvia ironia per sottolineare l' utopia del comunismo in quanto nessun uomo riuscirà mai a debellare il desiderio di potere.
Ci sarebbe un' infinita quantità di lettere da spendere per chiarire questo concetto, voi che ne pensate?